Il nuovo ‘M.Arlotta’ pronto entro il 2025

19 Dicembre 2023

Uno scalo nuovo entro il 2025. Grazie ai lavori di riassetto funzionale del Terminal passeggeri dell’aeroporto ‘M. Arlotta’ di Grottaglie, che sono stati illustrati questa mattina nel corso di una conferenza stampa, lo scalo subirà una radicale trasformazione che gli permetterà di essere struttura polifunzionale al servizio delle attività aeronautiche che si effettueranno in aeroporto. Il progetto del nuovo aeroporto elaborato dall’ATI Project srl, prevede tra gli altri l’adeguamento sismico dell’infrastruttura, il miglioramento delle prestazioni energetiche, impianti tecnologicamente avanzati, la riqualificazione dell’area esterna dedicata alla sosta delle autovetture con pensiline fotovoltaiche e colonnine per ricaricare le auto elettriche e un impianto fotovoltaico di circa 70 Kw. Alla conferenza sono intervenutiil presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il direttore generale e il direttore Tecnico di Aeroporti di Puglia, Marco Catamerò e Donato D’Auria.

“Dare un nuovo volto all’aeroporto di Grottaglie – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile – significa non solo renderlo più bello, ma anche e soprattutto prepararlo per il futuro che è adesso e la sfida dello spazio. L’Italia ha intrapreso un percorso per sviluppare una capacità autonoma di accesso allo Spazio e la Puglia non si è fatta trovare impreparata. Al contrario ha messo a disposizione mezzi e uomini in grado di poter portare a termine l’iter intrapreso dal Paese e quindi di poter attrarre investimenti pubblici e privati. È evidente che la competitività dell’infrastruttura deriva da una cooperazione istituzionale tra Governo e Regione Puglia, che permetterà allo spazioporto di Grottaglie, di candidarsi a essere nel prossimo futuro il primo spazioporto “orizzontale”, in grado di effettuare il decollo e l’atterraggio di aerei sul territorio continentale dell’Ue. Questi lavori sono stati necessari anche per promuovere la Puglia come “best place to be” per il business aerospaziale.

Un traguardo ambizioso, ma possibile, che Aeroporti di Puglia saprà raggiungere, come ha già dimostrato in altre circostanze. Tuttavia, programmi così ambiziosi possono crescere e realizzarsi in un contesto di pacificazione: per questo  – ha concluso Vasile – mi auguro, che una volta per tutte, possa essere superata la fase della contrapposizione che, purtroppo, ha segnato i rapporti con il territorio, le associazioni e i comitati che, pur espressione di legittime rivendicazioni sociali e di crescita di un territorio per anni dimenticato, finiscono per perdere di vista la possibilità di sviluppo economico e occupazionale che possono fare di Grottaglie, della Puglia un riferimento di prestigio planetario”.

“Sin da subito la Regione – ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – ha creduto nel progetto di sviluppo dell’aeroporto di Grottaglie e oggi abbiamo fatto passi in avanti che non solo mi convincono del fatto che abbiamo intrapreso il giusto percorso, ma ancor più mi rendono orgoglioso del ruolo che la Puglia ha per il sistema Paese. Investire nel futuro significa essere in grado di cogliere opportunità di crescita prima degli altri. Dare un nuovo volto a Grottaglie significa creare una straordinaria occasione per tenere e richiamare talenti di ogni genere. Dopo essere stato eletto presidente, Taranto è stato il primo posto in cui sono andato. C’era bisogno di costruire un meccanismo di fiducia. È il territorio in cui credo di essermi più impegnato della Puglia e – ha concluso Emiliano – penso di aver fatto un buon lavoro. Oggi completiamo una visione a cui ha contribuito soprattutto la comunità locale”.

“E’ una grande fortuna vedere durante il proprio mandato la ristrutturazione dell’aeroporto – ha dichiarato il sindaco di Grottaglie, Ciro D’Alò. Penso che lo scalo abbia un’importanza fondamentale anche in termini di ricaduta occupazionale che, con questi investimenti si potrà generare. Grottaglie oltre che essere la città delle ceramiche, potrà essere conosciuta come un luogo che ospita professionalità di alto profilo. Sono fiero – ha concluso – di aver contribuito a questo risultato con questa squadra straordinaria”.  

I lavori, che prevedono un investimento di circa 11 milioni di euro, inizieranno a gennaio. Intanto, sono stati avviate una serie di azioni preparatorie quali ad esempio attività di bonifica da ordigni bellici (già effettuati), l’autorizzazione alla rimozione degli alberi di pino che interferiscono con l’ampliamento del manufatto e alcune riprotezioni di carattere impiantistico.